pectina bimby
pectina bimby

Pectina fatta in casa

  By Annett  

ottobre 19, 2017

Procedimento tradizionale e con Bimby

La pectina è un componente naturale, é presente  nei  frutti e il suo scopo è quello di agire come  collante. La quantità di pectina che si trova nella frutta varia a seconda della varietà di frutta. I  più ricchi di pectina sono: le mele cotogne, le mele e in generale tutti gli agrumi concentrata sopratutto nella  loro buccia.

Usata per fare le confetture non è un conservante, ma ha lo scopo di far gelificare il composto in presenza di zuccheri la pectina apporta notevoli benefici alla salute non basterebbe un libro per descriverli  tutti.

La pectina dunque in natura si è rilevata per l'uomo una notevole carica di salute.

È allora perché non consumarla facendola in casa in modo naturale?

 

 

 

Ingredienti

1 kg di mele

2 limoni ( scorza- succo- noccioli )

1 litro di acqua

Procedimento

1PROCEDIMENTO TRADIZIONALE

2Laviamo accuratamente le mele e i limoni.

mele e limoni per pectina

3Tagliamo grossolanamente le mele lasciando torsoli e noccioli.

4Mettiamo in pentola le mele tagliate con torsolo e noccioli, il succo,i semi e la scorza dei limoni (solo la parte gialla evitando la parte bianca in quanto amarognola. ) Versiamo l'acqua a filo per coprire la frutta (circa un litro ) cuciniamo con coperchio per evitare che l'acqua evapori, a fuoco vivo per i primi 5 Minuti,poi abbassiamo la fiamma e cuciniamo per circa 40 minuti.

5Terminata la cottura mettiamo la polpa con i suoi liquidi in un colapasta, all'interno sistemiamo un tovagliolo pulito, e lasciamo filtrare per almeno 8 ore con la sola forza di gravità senza pressare o schiacciarne la polpa. Copriamo con un coperchio o un' altro tovagliolo.

pectina fatta in casa

6Versiamo il liquido ottenuto in un tegame e cuciniamo per circa 30 minuti, fino ad ottenere una sostanza mielosa.

7Versiamo la pectina ancora calda in un barattolo di vetro sterilizzato, facciamo raffreddare e conserviamo in frigo fino al momento dell'utilizzo. Se vogliamo conservare per lunghissimo periodo ( tipo conserva ) possiamo sterilizzare il barattolo in una pentola avvolto da canovaccio,facendolo bollire per 30 minuti, Conserviamo in un luogo buio e fresco.

pectina bimby

8MODO D'USO La dose ideale da utilizzare per le confetture, e di 100 g di pectina per ogni Kg di frutta. Aggiungiamo la pectina a freddo insieme alla frutta e zucchero.

9Avendo a disposizione la polpa delle mele io ho voluto recuperarla in questo modo ottenendo un succo.

10Per il recupero della polpa. Su 500 g di polpa 800 di zucchero di canna e 750 ml di acqua.

succo di mele recuperato

11Con l'aiuto di un passaverdure ricaviamo la polpa delle mele.

polpa di mele recuperata

12Mettiamo in un tegame l'acqua e lo zucchero di canna. Facciamo bollire e sciogliere lo zucchero, versiamo la polpa e mescoliamo fino a che il succo diventa fluido. Meglio per questa operazione aiutarsi con un frullatore.

13Mettiamo in una caraffa o bottiglia e conserviamo in frigo. Essendo questo un succo di recupero dalla pectina potrebbe risultare con gusto spiccato di limone, per addolcire il gusto del limone possiamo eventualmente aggiungere più acqua e più zucchero. io ho preferito il gusto forte del limone perchè tra l'altro apporta benefici alla salute.

succo di mele recuperato

14PROCEDIMENTO CON BIMBY

procedimento con bimby

15Laviamo accuratamente le mele e i limoni.

mele e limoni per pectina

16Tagliamo grossolanamente le mele lasciando torsoli e noccioli.

17Inseriamo nel boccale le mele tagliate con torsolo e noccioli, il succo,i semi dei limoni e la scorza dei limoni (solo la parte gialla evitando la parte bianca in quanto amarognola. ) Versiamo l'acqua.

18Mettiamo coperchio e bicchiere. Cuciniamo 40 Min. 100° Vel Soft.

19Terminato il tempo di cottura, togliamo il bicchiere e mettiamo il cestello. Continuiamo ancora 15 Min.a varoma vel .Soft. Questa ricetta è stata testata con il bimby tm 5 le dosi sono perfettamente compatibili con il tm 31 con una sola raccomandazione. Tenete sotto controllo sopratutto per la cottura a varoma.

cestello per varoma bimby

20Terminata la cottura mettiamo la polpa con i suoi liquidi in un colapasta, all'interno sistemiamo un tovagliolo pulito, e lasciamo filtrare per almeno 8 ore con la sola forza di gravità senza pressare o schiacciarne la polpa.

pectina fatta in casa

21Versiamo il liquido ottenuto nel boccale, sistemiamo nuovamente il cestello al posto del bicchiere e cuciniamo per 30 minuti, Temp. Varoma fino ad ottenere una sostanza mielosa.

cestello per varoma bimby

22Versiamo la pectina ancora calda in un barattolo di vetro sterilizzato, lasciamo raffreddare e conserviamo in frigo fino al momento dell'utilizzo. Se vogliamo conservare per lunghissimo periodo ( tipo conserva ) possiamo sterilizzare il barattolo in una pentola con acqua avvolto da canovaccio,facendolo bollire per 30 minuti, Conserviamo in un luogo buio e fresco.

pectina bimby

23MODO D'USO La dose ideale da utilizzare per le confetture, e di 100 g di pectina per ogni Kg di frutta. Aggiungiamo la pectina a freddo insieme alla frutta e zucchero.

24Avendo a disposizione la polpa delle mele io ho voluto recuperarla in questo modo ottenendo un succo.

25PER IL RECUPERO DELLA POLPA Su 500 g di polpa 800 di zucchero di canna e 750 ml di acqua.

succo di mele recuperato

26Con l'aiuto di un passaverdure ricaviamo la polpa della frutta,

polpa di mele recuperata

27Inseriamo nel boccale l'acqua e lo zucchero di canna. Impostiamo la temperatura a 100°

succo di mela

28 appena raggiunta la temperatura indicata, inseriamo la polpa e frulliamo vel da 1 a 10 tutto in 1 minuto di tempo.

polpa di mele

29Mettiamo in una caraffa o bottiglia e conserviamo in frigo

succo di mele recuperato

30Essendo questo un succo di recupero dalla pectina potrebbe risultare con gusto spiccato di limone, per addolcire il gusto del limone possiamo eventualmente aggiungere più acqua e più zucchero. io ho preferito il gusto forte del limone perchè tra l'altro apporta benefici alla salute.

succo di mele recuperato

00:00

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *